L’arte di Vendere Online: Ispirare, Comparare, Comprare

Vuoi conoscere l’arte di vendere online ma non sai da dove cominciare? Ho selezionato per te tre consigli utili 🙂

Lo scorso weekend ho partecipato al Mashable Social Media Day. Durante le giornate di venerdì e sabato si sono alternati sul palco vari esperti di Web e Social Media Marketing. E-commerce e vendite online è uno dei temi ricorrenti degli appunti che ho annotato durante l’evento. Per questo ho deciso di scrivere questo articolo, dedicato a te che cerchi ispirazione per creare una Brand Experience coerente e profittevole.

Ispirare: giocare d’impatto

Uno dei primi interventi del Mashable Social Media Day è stato quello di Giuseppe Brugnone, Digital e Social Media Manager per LEGO. Il cuore della strategia di comunicazione di LEGO è ispirare i bambini a creare con la propria fantasia. Il celebre mattoncino ha la capacità di creare storie infinite. Sono moltissime le foto dei genitori che ritraggono le variopinte composizioni dei loro figli.

Prima ancora di preoccuparsi dell’acquisto del consumatore, bisogna pensare a come attirare la sua attenzione.

Ecco perché è fondamentale ispirare! Giocare d’impatto significa creare dei contenuti accattivanti, di facile comprensione e condivisibili. Nella creazione di questi contenuti fa da padrone lo storytelling, che attraverso la metafora dell’eroe è in grado di costruire esperienze coinvolgenti.

Brand Experience

Parlando di contenuti, si finisce sempre con il citare la parola “esperienze”. Ne ha parlato a lungo Davide Basile, Digital Marketing Manager per Original Marines.

Oggi non ha più senso parlare di Digital Experience, perché la differenza tra esperienze online e offline viene sempre meno. Possiamo acquistare comodamente da smartphone, via carta di credito o in contanti. Per questo parleremo solamente di “Brand Experience”: ovvero dell’insieme esperienziale in cui un brand immerge il proprio consumatore nelle varie fasi che conducono all’acquisto.

Per progettare una Brand Experience coerente è necessario coinvolgere tutte le sfere aziendali: dal marketing alla distribuzione.

Lo scopo principale di questa strategia consiste nel connettere la produzione dei contenuti, l’analisi dei dati e le vendite in store con le azioni e i comportamenti dei clienti.

“Content is the king in a jungle”

Nel marketing è facile parlare di contenuti, è meno semplice crearli, ma è veramente difficile trarre soddisfazione dalla loro condivisione. Nel mondo online, come anche nella vita offline, i consumatori sono attivi solamente in micro-momenti della loro giornata.

È ancora viva e vegeta la famosa frase di Bill Gates, ma i contenuti si trovano a fare i conti con una giungla popolata da moltissimi altri contenuti a disposizione dei consumatori. Le informazioni gravitano sul web come testi, foto, video, GIF, canvas, storie di vario genere e in costante evoluzione.

Il nostro contenuto lanciato sul web ha solamente 3 secondi per essere valutato da un consumatore.

Per esempio, su Facebook è stimato che scorriamo circa 20 contenuti in un minuto.

Comparare

Nella giungla dei contenuti, quando un consumatore decide di comprare qualcosa procede con una rapida ricerca sul web. Dopo la fase di ispirazione, quindi, succede una fase di comparazione.

La comparazione è un momento fondamentale durante il quale il consumatore si rivolge alle informazioni online per valutare quale sia l’acquisto più soddisfacente per le sue esigenze. Il segreto per vincere tra queste valutazioni è proporre un’offerta che risponda il più possibile alle esigenze effettive del proprio consumatore.

Nel momento in cui progettiamo la nostra Brand Experience per vendere online dobbiamo tenere presente l’esigenza primaria del nostro consumatore finale. Come valutare se i nostri contenuti sono adeguati ai bisogni dei nostri consumatori?

Il valore della nostra offerta si misura con il tempo che le persone ci dedicano!

Proprio per questo non esistono strategie preconfezionate per vendere online. È necessario tenere presenti le parole chiave Ispirare, Comparare e Comprare e continuamente rivedere e adattare la nostra Brand Experience.

3 secondi per colpire, 2 secondi per comprare

Abbiamo tre secondi per cogliere l’attenzione dei nostri consumatori, ma abbiamo solo 2 secondi per coordinare un acquisto online. Comprare online deve essere un’azione confortevole, semplice, veloce, accessibile.

Valentina Sala, Marketing Manager per Ok Network, ha sottolineato che, se la pagina del mio e-commerce non si carica entro 2 secondi, ho già perso una buona parte delle mie vendite. Quando facciamo un e-commerce dobbiamo essere chiari e immediati. I menù devono essere semplici, dobbiamo poter trovare subito quello che stiamo cercando. Il layout deve essere fluido, i testi scorrevoli e le immagini devono essere leggere e caricarsi velocemente.

In un e-commerce la home page sarà emozionale e dedicata a ispirare. Le schede prodotto avranno tutte le informazioni necessarie per comparare. Il carrello dovrà essere confortante per comprare.

C’eri anche tu al Mashable Social Media Day 2016? Hai trovato utili questi consigli?

SHARE THIS

RELATED ARTICLES

LEAVE COMMENT

LA CULTURA SI AGGIORNA QUI

Non perdere più le notizie preziose :)

I contenuti migliori, una volta al mese.

TWEETS